Articoli con tag: P. Bausch

vor-ort

Dopo quarant’anni

Sul fragile confine di un cerchio tracciato con il gesso, due donne in nero, le schiene nude, si esercitano nella ricerca di una relazione sensata con altrettanti oggetti old fashioned: una palla medica e un rudimentale monopattino. Il compito è

vor-ort

Dopo quarant’anni

Sul fragile confine di un cerchio tracciato con il gesso, due donne in nero, le schiene nude, si esercitano nella ricerca di una relazione sensata con altrettanti oggetti old fashioned: una palla medica e un rudimentale monopattino. Il compito è

689478_135350_dido-aeneas-by-bernd-uhlig

Dido & Aeneas all’Opera di Roma

Gioiello barocco del 1689, sviluppato sul tema dell’eterno conflitto tra ragione (di Stato) e sentimento, questa versione del Dido & Aeneas di Henry Purcell, messa a punto dalla coreografa Sasha Waltz, ha avuto la sua prima mondiale nel 2005. Da un

689478_135350_dido-aeneas-by-bernd-uhlig

Dido & Aeneas all’Opera di Roma

Gioiello barocco del 1689, sviluppato sul tema dell’eterno conflitto tra ragione (di Stato) e sentimento, questa versione del Dido & Aeneas di Henry Purcell, messa a punto dalla coreografa Sasha Waltz, ha avuto la sua prima mondiale nel 2005. Da un

Numeridanse

Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale. # Parte seconda

  Questo articolo si riferisce al recente convegno romano intitolato Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale di cui parlo anche qui. Nella seconda metà della mattina, dopo il rituale coffee break, Susanne Franco e Ada D’Adamo, sempre moderate

Numeridanse

Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale. # Parte seconda

  Questo articolo si riferisce al recente convegno romano intitolato Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale di cui parlo anche qui. Nella seconda metà della mattina, dopo il rituale coffee break, Susanne Franco e Ada D’Adamo, sempre moderate

Das Frühlingsopfer Copyright Zerrin Aydin Herwegh light

I capolavori della Bausch al Teatro di San Carlo #2

Parte seconda: Le Sacre du Printemps.   Composto nel 1975, dunque tre anni prima di Café Müller, è un lavoro che s’inscrive per alcuni versi ancora nel solco della tradizione coreografica di scrittura per grande ensemble. Sappiamo che a Wuppertal

Das Frühlingsopfer Copyright Zerrin Aydin Herwegh light

I capolavori della Bausch al Teatro di San Carlo #2

Parte seconda: Le Sacre du Printemps.   Composto nel 1975, dunque tre anni prima di Café Müller, è un lavoro che s’inscrive per alcuni versi ancora nel solco della tradizione coreografica di scrittura per grande ensemble. Sappiamo che a Wuppertal

cafe-muller-helena-pikon-phulli-weiss

I capolavori della Bausch al Teatro di San Carlo

Parte prima: Café Müller    Il bellissimo programma presentato a Napoli dal Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, mette in evidenza una problematica molto attuale, che investe l’avanguardia teatrale degli anni Settanta e Ottanta, così come il Teatrodanza e la danza autoriale:

cafe-muller-helena-pikon-phulli-weiss

I capolavori della Bausch al Teatro di San Carlo

Parte prima: Café Müller    Il bellissimo programma presentato a Napoli dal Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, mette in evidenza una problematica molto attuale, che investe l’avanguardia teatrale degli anni Settanta e Ottanta, così come il Teatrodanza e la danza autoriale:

Dopo la battaglia

Umano, troppo umano

Sfilacciare la sintassi del gioco teatrale fino al punto che poco o nulla ne rimanga. Sfrangiare, allargare lo spazio tra l’ordito e la trama di una drammaturgia, fino ad avere in mano più buchi che stoffa; ma in quelle voragini

Dopo la battaglia

Umano, troppo umano

Sfilacciare la sintassi del gioco teatrale fino al punto che poco o nulla ne rimanga. Sfrangiare, allargare lo spazio tra l’ordito e la trama di una drammaturgia, fino ad avere in mano più buchi che stoffa; ma in quelle voragini

Pina-immagini-del-documentario-di-Wim-Wenders-4

Pina al cinema

I cinefili mi perdoneranno se per una volta mi avventuro a parlare di un film; ma in questo caso si tratta di un’eccezione perché il lavoro in questione è il tanto atteso, qui in Italia, Pina di Wim Wenders. Dunque

Pina-immagini-del-documentario-di-Wim-Wenders-4

Pina al cinema

I cinefili mi perdoneranno se per una volta mi avventuro a parlare di un film; ma in questo caso si tratta di un’eccezione perché il lavoro in questione è il tanto atteso, qui in Italia, Pina di Wim Wenders. Dunque

Visti e presi!

Alcuni degli acquisti che ho fatto nello scorso aprile, durante l’ultimo soggiorno parigino: cose di recente pubblicazione (ma non solo) e da noi difficili da trovare. Qui sotto una breve scheda di tre DVD. In un prossimo post  parlerò anche

Visti e presi!

Alcuni degli acquisti che ho fatto nello scorso aprile, durante l’ultimo soggiorno parigino: cose di recente pubblicazione (ma non solo) e da noi difficili da trovare. Qui sotto una breve scheda di tre DVD. In un prossimo post  parlerò anche