Articoli con tag: Fotografia

Vandekeybus Roseland

Altre visioni #anno secondo

Con il titolo Altre visioni pubblico anche quest’anno alcuni scritti elaborati dagli allievi del Master in critica giornalistica dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, a conclusione del mio corso di Analisi del testo coreografico. Siamo alla nona edizione del Master e credo che questi lavori testimonino,

Vandekeybus Roseland

Altre visioni #anno secondo

Con il titolo Altre visioni pubblico anche quest’anno alcuni scritti elaborati dagli allievi del Master in critica giornalistica dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, a conclusione del mio corso di Analisi del testo coreografico. Siamo alla nona edizione del Master e credo che questi lavori testimonino,

Mrs Dalloway

Cliccate sul link per vedere il lavoro di Cristina Gardumi mrs dalloway said she would buy the flowers

Mrs Dalloway

Cliccate sul link per vedere il lavoro di Cristina Gardumi mrs dalloway said she would buy the flowers

tour-eiffel

Febbre gialla

Dopo una settimana trascorsa a Parigi, rientro a casa con valigie cariche di souvenir dal denominatore comune: il giallo, inteso come colore.    Mentre impilo in bell’ordine libri e programmi di sala, cartoline, mappe della città e poi golfini, bluse,

tour-eiffel

Febbre gialla

Dopo una settimana trascorsa a Parigi, rientro a casa con valigie cariche di souvenir dal denominatore comune: il giallo, inteso come colore.    Mentre impilo in bell’ordine libri e programmi di sala, cartoline, mappe della città e poi golfini, bluse,

fw

Inquietudini

È una stanza grande, ariosa, che occupa quasi l’intero piano e ha finestre su tutti i lati con aria e sole in abbondanza. Deve essere stata prima la camera dei bambini, e poi, stanza per i giochi e palestra, perché

fw

Inquietudini

È una stanza grande, ariosa, che occupa quasi l’intero piano e ha finestre su tutti i lati con aria e sole in abbondanza. Deve essere stata prima la camera dei bambini, e poi, stanza per i giochi e palestra, perché

Biennale 2011

Ecco qui il link di un prezioso servizio fotografico sulla nuova Biennale d’arte, curata da Bice Curiger, che ha appena aperto i battenti a Venezia. Lo firma Garance Doré, una blogger che certamente molti di voi conoscono, ma che è

Biennale 2011

Ecco qui il link di un prezioso servizio fotografico sulla nuova Biennale d’arte, curata da Bice Curiger, che ha appena aperto i battenti a Venezia. Lo firma Garance Doré, una blogger che certamente molti di voi conoscono, ma che è

Finito un anno se ne fa un altro

Quando ho cominciato con il mio blog, più o meno un anno fa, non sapevo cosa aspettarmi né che forma avrebbe preso. Neanche adesso in verità lo so con chiarezza. È uno spazio legato alla mia esperienza professionale, certo, ma

Finito un anno se ne fa un altro

Quando ho cominciato con il mio blog, più o meno un anno fa, non sapevo cosa aspettarmi né che forma avrebbe preso. Neanche adesso in verità lo so con chiarezza. È uno spazio legato alla mia esperienza professionale, certo, ma

H. Cartier Bresson, Giacometti in rue d'Alesia

Due passi a Montparnasse

E così ci sono andata. “Cosa ci vado a fare?” mi dicevo, “non servirà …” continuavo a pensare intubata nei vagoni del Metro, sballottata dal ritmo delle rotaie, mentre facce stanche color della milza mi osservavano. In un sabato mattina

H. Cartier Bresson, Giacometti in rue d'Alesia

Due passi a Montparnasse

E così ci sono andata. “Cosa ci vado a fare?” mi dicevo, “non servirà …” continuavo a pensare intubata nei vagoni del Metro, sballottata dal ritmo delle rotaie, mentre facce stanche color della milza mi osservavano. In un sabato mattina

Un sogno

  Guardo e riguardo questo ritratto di Louise Bourgeois e mi chiedo: “Cos’è che mi affascina di lei? Cosa mi soggioga, oltre naturalmente, alla perfezione formale dell’immagine?  Il sorriso intelligente? Lo sguardo complice? L’aria di chi l’ha fatta franca ancora

Un sogno

  Guardo e riguardo questo ritratto di Louise Bourgeois e mi chiedo: “Cos’è che mi affascina di lei? Cosa mi soggioga, oltre naturalmente, alla perfezione formale dell’immagine?  Il sorriso intelligente? Lo sguardo complice? L’aria di chi l’ha fatta franca ancora