La danza scalza #2

{Filastrocca a puntate} Testo Monica Vannucchi Immagini Cristina Gardumi Timiduccio osserva il piede con le dita paffutelle cinque piccole sorelle che nessuno mai non vede. Cerca ancora la scarpetta, tra le altre non c’è traccia: “So che qui perdo la

La danza scalza #2

{Filastrocca a puntate} Testo Monica Vannucchi Immagini Cristina Gardumi Timiduccio osserva il piede con le dita paffutelle cinque piccole sorelle che nessuno mai non vede. Cerca ancora la scarpetta, tra le altre non c’è traccia: “So che qui perdo la

Filastrocca della danza scalza

La danza scalza

{Filastrocca a puntate} Testo Monica Vannucchi Immagini Cristina Gardumi Timiduccio è un bel bambino che non trova una scarpetta; lui l’ha persa, che disdetta, forse lì in quell’angolino. Lì, per terra, a gruppi stanno tante scarpe ad aspettare i piedini

Filastrocca della danza scalza

La danza scalza

{Filastrocca a puntate} Testo Monica Vannucchi Immagini Cristina Gardumi Timiduccio è un bel bambino che non trova una scarpetta; lui l’ha persa, che disdetta, forse lì in quell’angolino. Lì, per terra, a gruppi stanno tante scarpe ad aspettare i piedini

Crediti immagine sconosciuti

A fior di pelle, sotto al tendone

Riporto qui, a distanza di tempo, il testo della testimonianza da me resa durante una tavola rotonda nell’ambito del bel convegno internazionale You Come. We’ll Show You What We Do. Storie e pratiche della Contact Improvisation, organizzato da AIRDanza nei

Crediti immagine sconosciuti

A fior di pelle, sotto al tendone

Riporto qui, a distanza di tempo, il testo della testimonianza da me resa durante una tavola rotonda nell’ambito del bel convegno internazionale You Come. We’ll Show You What We Do. Storie e pratiche della Contact Improvisation, organizzato da AIRDanza nei

Madamina. Mani di donne per corpi di donne.

#Seconda parte. Per leggere la prima parte del post andate qui: https://monicavannucchi.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=3070&action=edit Co.mo.da   Secondo voi quindi, che cosa chiedono le donne a un abito? Che sia una protezione dagli sguardi degli altri o piuttosto un accessorio di potenziamento della propria

Madamina. Mani di donne per corpi di donne.

#Seconda parte. Per leggere la prima parte del post andate qui: https://monicavannucchi.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=3070&action=edit Co.mo.da   Secondo voi quindi, che cosa chiedono le donne a un abito? Che sia una protezione dagli sguardi degli altri o piuttosto un accessorio di potenziamento della propria

Madamina. Mani di donne per corpi di donne

Questa è la prima puntata di un’intervista che inaugurerà una serie di confronti al femminile, tra @co.mo.da_monicavannucchi e operatrici di settori diversi, tutte però accomunate da una particolare attenzione per le donne di oggi. Madamina sono tre giovani ragazze che

Madamina. Mani di donne per corpi di donne

Questa è la prima puntata di un’intervista che inaugurerà una serie di confronti al femminile, tra @co.mo.da_monicavannucchi e operatrici di settori diversi, tutte però accomunate da una particolare attenzione per le donne di oggi. Madamina sono tre giovani ragazze che

Roma Downtown Nelken Line

Roma Downtown Nelken Line from Pina Bausch Foundation on Vimeo. Un grande grazie a tutti loro per la giovane, delicata e palpitante aderenza al progetto un po’ folle di mettersi in gioco, in un’alba di fine inverno, tra i vicoli

Roma Downtown Nelken Line

Roma Downtown Nelken Line from Pina Bausch Foundation on Vimeo. Un grande grazie a tutti loro per la giovane, delicata e palpitante aderenza al progetto un po’ folle di mettersi in gioco, in un’alba di fine inverno, tra i vicoli

In ricordo di Lucia Latour

Da sx: Lucia Latour, Francesca Romana Sestili, Mara Camelin in Spatium Teca, 1983   Mi hanno detto che Lucia se n’è andata via nel pomeriggio di sabato; un pomeriggio di aprile in cui sole e burrasca si alternavano, come nel

In ricordo di Lucia Latour

Da sx: Lucia Latour, Francesca Romana Sestili, Mara Camelin in Spatium Teca, 1983   Mi hanno detto che Lucia se n’è andata via nel pomeriggio di sabato; un pomeriggio di aprile in cui sole e burrasca si alternavano, come nel

Metti una sera all’Opera… di Roma

Il Teatro dell’Opera di Roma continua a proporre interessanti serate di balletto; questa è la volta di un trittico di pezzi apparentemente eterogenei, lontani tra loro come genesi e datazione, ma di altissimo livello artistico, perché firmati da coreografi con

Metti una sera all’Opera… di Roma

Il Teatro dell’Opera di Roma continua a proporre interessanti serate di balletto; questa è la volta di un trittico di pezzi apparentemente eterogenei, lontani tra loro come genesi e datazione, ma di altissimo livello artistico, perché firmati da coreografi con