Articoli con tag: gesto

Dido & Aeneas all’Opera di Roma

Gioiello barocco del 1689, sviluppato sul tema dell’eterno conflitto tra ragione (di Stato) e sentimento, questa versione del Dido & Aeneas di Henry Purcell, messa a punto dalla coreografa Sasha Waltz, ha avuto la sua prima mondiale nel 2005. Da un

Dido & Aeneas all’Opera di Roma

Gioiello barocco del 1689, sviluppato sul tema dell’eterno conflitto tra ragione (di Stato) e sentimento, questa versione del Dido & Aeneas di Henry Purcell, messa a punto dalla coreografa Sasha Waltz, ha avuto la sua prima mondiale nel 2005. Da un

I cinquemila gesti di Sieni

  Come ultimo appuntamento della rassegna tutta italiana di danza contemporanea del Teatro di Roma, Virgilio Sieni ha presentato l’altra sera all’Argentina, la sua attesa versione della Sagra della Primavera di Igor Stravinskij, preceduta da una coreografia più breve intitolata

I cinquemila gesti di Sieni

  Come ultimo appuntamento della rassegna tutta italiana di danza contemporanea del Teatro di Roma, Virgilio Sieni ha presentato l’altra sera all’Argentina, la sua attesa versione della Sagra della Primavera di Igor Stravinskij, preceduta da una coreografia più breve intitolata

Cose belle da non dimenticare, 2014

  L’anno che si è chiuso è stato ricco e denso, in alcuni momenti così pieno di avvenimenti, progetti e stimoli, da non lasciare molto tempo alla riflessione e ai commenti. Tuttavia ci sono alcune cose che vorrei condividere con

Cose belle da non dimenticare, 2014

  L’anno che si è chiuso è stato ricco e denso, in alcuni momenti così pieno di avvenimenti, progetti e stimoli, da non lasciare molto tempo alla riflessione e ai commenti. Tuttavia ci sono alcune cose che vorrei condividere con

Fiordalisi

Al centro del piccolo palco una figura femminile se ne sta seduta assorta, immersa in un suo mondo di pensieri e visioni. E sarà sempre con questo sguardo dislocato, vagante, interrogativo e incredulo che dopo un po’ lei si alzerà,

Fiordalisi

Al centro del piccolo palco una figura femminile se ne sta seduta assorta, immersa in un suo mondo di pensieri e visioni. E sarà sempre con questo sguardo dislocato, vagante, interrogativo e incredulo che dopo un po’ lei si alzerà,

The Goldlandbergs

Emanuel Gat voleva diventare direttore d’orchestra e il pallino della musica gli è rimasto; anche in questo ultimo lavoro The Goldlandbergs, infatti, come nel precedente Winter Variations, lo spunto è sonoro. In questo caso si tratta del documentario radiofonico che

The Goldlandbergs

Emanuel Gat voleva diventare direttore d’orchestra e il pallino della musica gli è rimasto; anche in questo ultimo lavoro The Goldlandbergs, infatti, come nel precedente Winter Variations, lo spunto è sonoro. In questo caso si tratta del documentario radiofonico che

Tenere insieme

E se, per un momento ancora, io volessi tenere insieme i fili? Con gli occhi, le mani, i piedi; e un tempo che non mi è più dato. Un tempo antico che sta lì fermo e aspetta. Dove la carne

Tenere insieme

E se, per un momento ancora, io volessi tenere insieme i fili? Con gli occhi, le mani, i piedi; e un tempo che non mi è più dato. Un tempo antico che sta lì fermo e aspetta. Dove la carne

Focus on Trisha Brown

Alla fine degli anni Sessanta, il gruppo di danzatori che seguiva le lezioni di Robert Dunn allo Studio Cunningham di New York e di Ann Halprin a San Francisco, cominciò a riunirsi in quello che sarebbe diventato lo spazio per

Focus on Trisha Brown

Alla fine degli anni Sessanta, il gruppo di danzatori che seguiva le lezioni di Robert Dunn allo Studio Cunningham di New York e di Ann Halprin a San Francisco, cominciò a riunirsi in quello che sarebbe diventato lo spazio per

L’aurora di un impensabile

(Ormai siamo in Dicembre, sta terminando un altro anno: è nuovamente tempo di bilanci e ripensamenti. Così, rileggendo e riflettendo sui numerosi commenti ai miei ultimi post, pieni di spunti e di intuizioni, mi è venuta voglia di riproporre il

L’aurora di un impensabile

(Ormai siamo in Dicembre, sta terminando un altro anno: è nuovamente tempo di bilanci e ripensamenti. Così, rileggendo e riflettendo sui numerosi commenti ai miei ultimi post, pieni di spunti e di intuizioni, mi è venuta voglia di riproporre il