Archivio della categoria: recensioni

Fear Party

  É un paradiso terrestre a rovescio, il negativo di un Eden biblico in cui un uomo e una donna si sfidano in un gioco di ruolo ruvido e pericoloso, attraverso un amplesso primordiale rigurgitante erotismo allo stato puro. Lui

Fear Party

  É un paradiso terrestre a rovescio, il negativo di un Eden biblico in cui un uomo e una donna si sfidano in un gioco di ruolo ruvido e pericoloso, attraverso un amplesso primordiale rigurgitante erotismo allo stato puro. Lui

Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale. # Parte seconda

  Questo articolo si riferisce al recente convegno romano intitolato Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale di cui parlo anche qui. Nella seconda metà della mattina, dopo il rituale coffee break, Susanne Franco e Ada D’Adamo, sempre moderate

Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale. # Parte seconda

  Questo articolo si riferisce al recente convegno romano intitolato Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale di cui parlo anche qui. Nella seconda metà della mattina, dopo il rituale coffee break, Susanne Franco e Ada D’Adamo, sempre moderate

Cronaca di una mattinata di convegno: Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale

  Convegno organizzato dal Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma in collaborazione con AIRDanza. 3/4dicembre 2015, ex Vetrerie Sciarra, via dei Volsci122, Roma Comitato scientifico Silvia Carandini, Vito di Bernardi, Concetta Lo Iacono, Valentina Valentini

Cronaca di una mattinata di convegno: Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale

  Convegno organizzato dal Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma in collaborazione con AIRDanza. 3/4dicembre 2015, ex Vetrerie Sciarra, via dei Volsci122, Roma Comitato scientifico Silvia Carandini, Vito di Bernardi, Concetta Lo Iacono, Valentina Valentini

Cose belle da non dimenticare, seconda parte 2014

Quello di cui parlavo nel post precedente non è stato tutto ciò che ho visto nell’ultima parte del 2014; il soggiorno berlinese mi ha permesso di fare una vera scorpacciata di spettacoli, spaziando dalla musica barocca all’operetta, passando per il

Cose belle da non dimenticare, seconda parte 2014

Quello di cui parlavo nel post precedente non è stato tutto ciò che ho visto nell’ultima parte del 2014; il soggiorno berlinese mi ha permesso di fare una vera scorpacciata di spettacoli, spaziando dalla musica barocca all’operetta, passando per il

Cose belle da non dimenticare, 2014

  L’anno che si è chiuso è stato ricco e denso, in alcuni momenti così pieno di avvenimenti, progetti e stimoli, da non lasciare molto tempo alla riflessione e ai commenti. Tuttavia ci sono alcune cose che vorrei condividere con

Cose belle da non dimenticare, 2014

  L’anno che si è chiuso è stato ricco e denso, in alcuni momenti così pieno di avvenimenti, progetti e stimoli, da non lasciare molto tempo alla riflessione e ai commenti. Tuttavia ci sono alcune cose che vorrei condividere con

Fiordalisi

Al centro del piccolo palco una figura femminile se ne sta seduta assorta, immersa in un suo mondo di pensieri e visioni. E sarà sempre con questo sguardo dislocato, vagante, interrogativo e incredulo che dopo un po’ lei si alzerà,

Fiordalisi

Al centro del piccolo palco una figura femminile se ne sta seduta assorta, immersa in un suo mondo di pensieri e visioni. E sarà sempre con questo sguardo dislocato, vagante, interrogativo e incredulo che dopo un po’ lei si alzerà,

Tandy

Si chiama Angélica Liddell. Troppo bello per essere vero! E infatti è un nome d’arte e le sta a pennello.   Prima di lei si era chiamata Liddell una delicata bambina vittoriana, figlia del decano del Christ Church College, in

Tandy

Si chiama Angélica Liddell. Troppo bello per essere vero! E infatti è un nome d’arte e le sta a pennello.   Prima di lei si era chiamata Liddell una delicata bambina vittoriana, figlia del decano del Christ Church College, in

Ricette veloci per serate di successo

Immaginate di mettere in un mixer i seguenti ingredienti: le più belle arie barocche da Monteverdi a Händel insieme a qualche effetto vocale, genere Les Compagnons de la Chanson (chi sono? un gruppo di vocalist molto famosi alla fine degli

Ricette veloci per serate di successo

Immaginate di mettere in un mixer i seguenti ingredienti: le più belle arie barocche da Monteverdi a Händel insieme a qualche effetto vocale, genere Les Compagnons de la Chanson (chi sono? un gruppo di vocalist molto famosi alla fine degli