The Goldlandbergs

Emanuel Gat voleva diventare direttore d’orchestra e il pallino della musica gli è rimasto; anche in questo ultimo lavoro The Goldlandbergs, infatti, come nel precedente Winter Variations, lo spunto è sonoro. In questo caso si tratta del documentario radiofonico che il pianista Glenn Gould aveva realizzato su una piccola comunità mennonita residente in Canada. Gat ne rimane stregato al punto da iniziare a lavorarci sopra con i propri danzatori. 18969

Insieme compongono una partitura instancabile di gesti e movimenti che, pur non trovando mai riposo come in una Fuga, fanno tuttavia riferimento a sentimenti quieti e pudichi, come l’affetto reciproco, il rispetto delle norme sociali, la serenità dell’essere operosi. Su questa danza che si palesa come un ricamo, punto dopo punto, in un continuo saliscendi d’ago e di filo attraverso un tessuto bianco, il coreografo israeliano (ma trapiantato a Montpellier), innesta sapientemente ora qui ora lì, alcune delle magistrali Variazioni Goldberg di Bach, nell’esecuzione notissima che ne diede lo stesso Gould. L’operazione è molto concettuale, lo stile cita Merce Cunningham, ma Gat non ammicca, non allude; semplicemente procede, con il suo tono sommesso, a tratti ostinato, e alla fine tira i fili del ricamo. Ed ecco che, con uno sguardo ampio e retrospettivo, possiamo leggere una comunità di persone che respirano, progettano, costruiscono con tenacia la propria vita e ne accettano il destino.

The Goldlandbergs

coreografia Emanuel Gat

in collaborazione con ed eseguita da Hervé Chaussard, Aurore Di Bianco,Michael Löhr, Pansum Kim, Philippe Mesia, Geneviève Osborne, François Przybylski, Milena Twiehaus

sottofondo sonoro The Quiet in The Land, scritto e realizzato da Glenn Gould

musica Johann Sebastian Bach, the Goldberg Variations, al piano Glenn Gould

scene e disegno luci  in collaborazione con Samson Millcent

25 settembre 2013, Auditorium Conciliazione, Romaeuropa festival, Roma

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: