Scrivono di noi

(PER)CORSI EMOZIONALI

di Noemi Euticchio venere-degli-stracci-pistoletto

Una piazza piena, gremita. Di gente che aspetta il tempo, persone sedute assorbite dal loro lento quotidiano, passanti curiosi.

Presenze. Fermi, immobili, non un respiro li distrarrà, non un rumore li distoglierà da quella estrema concentrazione. Eccoli, sono loro: studenti o già artisti? Oggi il confine è labile.

Nel mormorio della folla basta una nota di sax, un soffio per dare vita a quei tanti corpi, che, insieme, separati, vicini e lontani, iniziano a muoversi, riempiendo lo spazio urbano di nuova energia. Ed è solo l’inizio di un piccolo viaggio, dove la musica ci prende per mano e ci guida. La puoi vedere fluttuare nell’aria, e null’altro potresti se non seguirla…

Come un corpo nudo che si risveglia, un passo dopo l’altro, e deve andare a cercarsi per ricostruirsi e acquisire consapevolezza di sé. Ognuno è un movimento, ognuno insegue un indumento. Per liberarsene o per indossarlo? Vestiti che calzano come definizioni, scarpe abbandonate e poi riprese.

Abbiamo bisogno di libertà, di volare liberi, come anche di mantenere il contatto con questa terra, amara, aspra, ma viva. Pulsante come l’energia di questi ragazzi che paiono infiniti.

E riemergono uno ad uno, più vitali che mai. Quella luce assorbita fuori, ora risplende nella sala dove trasportano la passione travolgente che li accomuna e al tempo stesso differenzia: la danza.

Che tanti nomi, tanti stili e correnti ha visto avvicendarsi lungo la sua storia, tutti necessari come un nuovo respiro che dia un senso al movimento di quell’unico gigantesco corpo che è l’umanità. E che per esprimersi ha bisogno di agitarsi, star fermo, trascinarsi, librarsi in aria…

Ognuno indossa un pezzetto di quella storia. Passato, presente e futuro sono lì, davanti ai nostri occhi. A ricordarci che, nonostante l’ingombro di una pesante valigia, ogni nuovo percorso può (ancora) essere emozione.

1017198_10200952212560146_585806387_n1044370_10200952206519995_1058223540_n

 

 

CIT(T)AZIONI

Performance della classe di Danza degli allievi del I anno del corso di  Recitazione e Regia dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”, Roma

A cura di Monica Vannucchi e Laura Monna

Assistente Paola Autore

Al sax Ivan Bernardin 

in collaborazione con ARCI MALAFRONTE e Comitato di Quartiere di Largo Beltramelli 

22 giugno 2013 ore 18:00, Giardini di Largo Beltramelli, Roma

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: