L’oggetto in gioco, l’oggetto in scena

Bimba gialla che danza

Bimba gialla che danza

APPUNTI PER UN LABORATORIO PEDAGOGICO DI DANZA EDUCATIVA

INTERLUDIO
Il lavoro coinvolge bambini di 6/7 anni.

Siamo nella fase di passaggio tra la scena primaria e la scena teatrale, in cui è possibile operare una metamorfosi dell’oggetto in gioco perché diventi più avanti, oggetto in scena. È la fase del legame visualizzato con l’oggetto.
La scommessa è quindi quella di trasformare l’oggetto transizionale in oggetto scenico.

Tramite quali interventi?
Si potrà intervenire attraverso la danza: stimolare una serie di azioni fisiche in stretta relazione con l’oggetto a partire dall’osservazione e dall’esplorazione delle sue caratteristiche intrinseche (ad esempio comprimere, premere, strizzare, arrotolare, torcere, annodare, piegare in più modi l’ipotetico straccio o quadrato di tessuto con il quale abbiamo immaginato di fare lavorare i bambini della scuola dell’infanzia nella prima fase di questo progetto; ci sarà il tempo di sperimentare questo, con una parte del corpo alla volta, con due parti, con la periferia o con il centro, con il corpo globale, senza fretta).
Si potrà anche agire direttamente sull’oggetto con modalità creative che investano linguaggi contigui alla danza, mettendo a disposizione dei bambini materiali aggiuntivi, ad esempio filo, bottoni, altri tessuti, gomitoli di lane, colori, carte di diverse consistenze , colla ecc.

Si osserverà come poco alla volta l’oggetto in gioco tenda ad assumere una valenza nuova, simbolica, pur non abbandonando ancora del tutto e non per tutti i bambini nello stesso momento, la funzione di legame con la figura genitoriale, che aveva assolto per i bambini più piccoli.
Anche lo spazio della danza muta e dall’indistinto della scena primaria, comincia a connotarsi più precisamente con la scelta di direzioni e distanze; spesso l’oggetto verrà lanciato e raccolto, abbandonato e ripreso, strapazzato e coccolato, in un alternarsi emozionale che, se non disturbato ma coltivato, potrà creare interessanti proposte ritmiche.

I bambini di 6/7 anni, non danzano più soltanto mettendo alla prova la propria energia fisica ed emozionale in modo indefinito, ma misurano, anche attraverso la metamorfosi operata sull’oggetto, la possibilità di danzare un’idea. (continua)

Annunci

Un Commento

  1. bella questa trasformazione … : lenta nascita, ancora.

    (questi disegni mi tentano … :))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: